PREMIO "Sulle Colline della Poesia" 2014: i vincitori


Prima edizione del concorso di poesia del periodico Murlo Cultura



Si è concluso il lavoro di analisi della giuria sulle nove poesie che hanno parteciato al Premio, riservato quest'anno ai soli abitanti di Murlo.
Gran parte delle poesie hanno ottenuto punteggi piuttosto alti sulla base di sei parametri di forma e contenuto (prosodia, musicalità, impatto, tema, ecc.), cinque sono state decretate finaliste, e alla fine due componimenti sono rimasti in gara e la giuria ha deciso di premiarle entrambe con il primo premio e con la menzione speciale.
Ecco di seguito i vincitori e la classifica delle poesie in concorso.

Grazie a tutti i poeti che hanno partecipato!

 

POESIA VINCITRICE

Non scrivo poesie di Moira Velvet

Poesia ricca di immagini forti, composta con un lessico raffinato e dal grande impatto. E’ una classica poesia d’amore ma usa un bel lessico ed un ritmo particolarmente interessante. Fascino dell’incedere e della metrica e gioco di contrasti che, pur senza rima, esprimono molto efficacemente le emozioni. Ottima.

 

 

MENZIONE SPECIALE

Notte cadente di Ivan Nannini

Originale e dissacrante. Dopo una partenza “poetica” affronta un tema imprevedibile e differente, talvolta con reminiscenze futuriste nella metrica e nella rima, ma senza rinunciare ad immagini e suggestioni. Il parallelo finale tra uomo e animale, il richiamo alla frasca e all’animaletto tra le foglie ce la rende vicina al territorio. Complimenti.

 

 

LE ALTRE TRE FINALISTE

Terzo posto per Il Tarlo di Giorgio Boletti

Un bel componimento poetico piuttosto differente dal solito, con linguaggio semplice e interessante contenuto. La forma ricorda una filastrocca tradizionale, ed è un valore aggiunto dato che il tormento interiore e ossessivo è rappresentato bene dal tarlo che perseguita il poeta. Piacevole.

 

Quarto posto per Questione di prospettive di Rolando Amato

Poesia “marinettiana” dove il trionfo dell’onomatopea, l’originalità e l’imprevisto giocano un ruolo importante. L’autore ha osato fare qualcosa di diverso che colpisce per impatto e “divertissement”. Senz’altro una poesia coraggiosa.

 

Quinto posto per Cicala di Lorenzo Anselmi

Componimento “immaginifico” che parte da un argomento semplice come la descrizione di un insetto per giungere all’unicità del canto e del ruolo delle cicale nella nostra estate e nella realtà locale. Alcuni versi notevoli e giochi di contrasti: Poeti senza inchiostro - stampano nell’afa è il verso che preferiamo.

 

 

SESTE A PARIMERITO (in ordine alfabetico per autore)

Haiku  di Baciullo

Un tema “murlese” che cita peraltro l’idea del “baciullaio” o vescovino, e che riconduce il testo - scritto nel rispetto del numero delle sillabe secondo la regola Haiku - al nostro territorio. Un componimento elegante e vicino alla comunità.

 

Habemus... P.  di Giorgio Boletti

Filastrocca in rima baciata dedicata a un noto personaggio paesano. Ironica e a un tempo tradizionale, riesce a centrare l’obiettivo senza essere dissacrante. Piacevole.

 

Pensieri di una sera di Maggio  di Massimo Fongaro

Echi di classicità in questo componimento dove le atmosfere della poesia ottocentesca si uniscono a certe suggestioni rurali e alle riflessioni dell'autore. Si intuiscono tra le righe la realtà locale e il passare del tempo, con versi anche piuttosto visuali.

 

Il Cimitero  di Valter

Foscoliana poesia dove si ritrovano i temi della poesia didattica ottocentesca. Esplicativa ed elegiaca ma non pedante, la poesia evoca certe atmosfere di riflessione e introspezione care ai grandi poeti.

 



FacebookTwitterGoogle Bookmarks
Associazione Culturale di Murlo
Sede legale: Piazza Cattedrale - 53016 Murlo (SI)
P.IVA 00808660526