Articoli

Pensieri di una sera di Maggio

di Massimo Fongaro

PREMIO SULLE COLLINE DELLA POESIA 2014 - SESTO POSTO PARIMERITO

 


Pensieri di una sera di Maggio

Seduto sull'erba
nel mese di Maggio fiorito
rumino pensieri
immerso nel silenzio senza tempo della sera.
Sopra di me il firmamento,
sotto di me la morbida terra,
una brezza, un brivido, sono nudo.
Mi veste il superfluo,
mi spoglia la vita,
sono nudo e non ho di che coprire le mie nudità.
Ho viaggiato per molte strade
alla ricerca della tonda verità,
per farmi innalzare al cielo dalle sue mani,
per stordirmi con visioni immaginifiche,
per avvolgermi in vesti porporine di sapienza e maestà.
E fatto ebro di grandi e alti esseri,
ed estasiato di tali e tante perfette armonie,
ho sfiorato la sommità dell'universo,
donde si scorge l'unità degli spiriti e dei corpi,
da cui la verità empie di luce tutta la forma,
la forma dell'unità e l'unità della forma,
partendo dal centro verso i lati,
girando sul bordo e riprecipitando al centro,
così in essa si diffonde e svanisce.
Perché non c’è verità, ma solo vita, calore,
tacito impeto immanente che non chiede pensieri né parole né suoni,
perché essa, la vita, plenitudine silenziosa,
brama solo se stessa e non altro ed essa, la vita, è dello spirito la pienezza e della
pienezza lo spirito.
Dolce forza, caldo soffio, puro vigore,
di sogni portatrice e di altrettante perversioni la fonte.
E se pienezza manca, ecco il turbamento e lo spasimo febbrile,
ecco il turbine che raggela.
Onnipotente e indifferente è il tempo vero Dio,
sorgente di ogni diversione,
la scissione della sostanza è il suo frutto amaro.
La corruzione, lo svanire dell'esser mio in secca polvere,
questo pensiero mi travolge.
La sera bagna i fili d'erba d'invisibili gocciole,
raccolgo le mie vesti.
E‘ ora che torni.


FacebookTwitterGoogle Bookmarks
Associazione Culturale di Murlo
Sede legale: Piazza Cattedrale - 53016 Murlo (SI)
P.IVA 00808660526